Monday, December 30, 2013

Animation backgrounds from "HOBLIO - The Path to Freedom"

Some hand painted backgrounds from "HOBLIO - The Path to Freedom", my latest 2D traditional animation short.
CLICK HERE to watch the full film.






Thursday, December 26, 2013

"HOBLIO": a review by Carlo Pizzati



Many thanks to writer Carlo Pizzati for his wonderful review of "HOBLIO - The Path to Freedom", my latest animated short.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

"HOBLIO" a short film by Piero Tonin.
By Carlo Pizzati

What is that little man with a big nose doing, walking in the forest after dark with a heavy load on his shoulders?

He would appear to be unaware of his destiny, simply driven forward by an invisible force we may call life.

It’s dark and windy in here.

He seems serene and untouched by his eerie surroundings.

Who is he? A rich man? No. He’s dressed simply in a pale orange cloth and carries his bundle tied to a wooden stick.

Where is he going? What is he looking for?

Money, maybe, like most people? A chance to make it? Luck? Suddenly, out of nowhere, a harpsichord riff announces, as in a commercial advertisement, the appearance of a large figure. Stylized curls of thin blue smoke erupt from his giant cigar. The towering, grinning figure stares down at our care-free wanderer and raises his arm, holding an offer: a satchel filled with money, as indicated by the clear dollar $ign painted across the bag.

The Billionaire mutters an offer.

Our wanderer declines it.

The rich man disappears in shock from being rebuked, fragmenting away in a white and purple post-cubist special effect. The load on the wanderer’s shoulders magically become smaller.

The journey continues down that dark forest. Now it’s a Temptress’ turn to offer the joys of passion and sex to our little man, clad in that simple orange cloth. He smiles and declines the again the offer, as the woman vanishes in a rage. And the load gets even lighter.

The path is still there to be walked. The sun comes out, revealing a plethora of joyful colors in the meadows alla round. Things are getting better and better already.

But now, out of the green grass, an imposing and authoritative king appears, red crown, mink coat and all. He offers the wanderer a blue crown muttering some pompous and official sounding formula in an indecipherable gobbledygook. But the walker is just as uninterested as with the previous offers and the harpsichord jingle whisks our king away, as the load on the wanderer’s back gets even smaller. Now the trees are gone as he walks in the open fields, which are more and more colorful, when suddenly pitch-black darkness descends upon him.

A creaky, darkly clad Death creeps up in front of him, blocking his path and wielding the fatal Sickle, thumping it three times in the echoing ground of this sudden night. The wanderer looks more closely at him and then, as in the previous three occasions, declines the offer.

Death is outraged. But can’t help it, as it vanishes just like the other illusions.

The sun is back and the load on the walker’s shoulders now entirely disappears. There’s no more need for a stick either so the walker simply throws it away, slips his hands in his pockets and continues on his merry journey, as we fade to black.

He is free. He has resisted falling for the illusions of desire and attachment, loss and need. He has even refused the illusion of death, remaining unperturbed in his journey.

The lesson is so simple and clear, while so deep and transcendent, that it does not need more words. It is there to be received in the clarity of its meaning.

Yet to create such neatness in the form, requires a wide amount of knowledge, taste and talent that went into the making of this visual tale.

It seems clear where the historical points of reference come from, looking at the history of animation. Clearly Osvaldo Cavandoli’s “La Linea”’s enigmatic posture is just one of the many points of reference. As in “La Linea,” “Hoblio” also is the story of a character who walks a virtually infinite line, speaking a similarly incomprehensible language, which in this case is made mostly of grunts and guttural, inquisitive sighs. The harpsichord is reminiscent of the opening credit of the Pagot Brothers Film company Disegni Animati Italiani, and our “Hoblio” character even has, at times, the happy go lucky stride of “La Pimpa.”

There’s no spoken word in this tale. It is not necessary: only sounds of a slow Chinese march or harmonious dance, creating a musical carpet by on which our wanderer steps into merrily, thanks to Jiang Li’s “Yangtze” soundtrack.

The atmosphere created around this short film of animation is so gentle and yet so central to the storytelling, that understanding this is useful in order to grasp one more lesson of “Hoblio”: mind your surroundings, and yet be unfazed by them as well, while nurturing that inner contentedness, that omnipresent, infinte, eternal “Joy” referred to in the opening quotation.

A few words must be spent on the stroke of Piero Tonin’s brush, capable of creating with a curve of the pencil a historical, social and economic commentary, cloaked in humour and style. Notice the grin of the millionaire, the flüte-like calves of the sultry sex bomb, the hunched back of a king burdened by the weight of power and the angular dryness of Death, in its tweaking, skeletal rigidity.
Shapes tell a story. If you know how to draw them.

This is what makes “Hoblio” so dense of meaning and hypnotic and makes you go back to it, once in a while, just to remind yourself of the right path to serenity, away from the Maya of wealth, sex, power and death.

To achieve such simplicity and depth requires a lot of hard work. In this case, it’s been well worth it.

Carlo Pizzati

Sunday, December 22, 2013

"HOBLIO" su afNews!


Un ringraziamento a Gianfranco Goria per aver parlato del mio nuovo cortometraggio animato "HOBLIO - La Via della Libertà" su afNews.
CLICCA QUI per leggere tutto l'articolo.

Tuesday, December 17, 2013

"Hoblio" now screening at the "Spirit Enlightened" Film Festival.



"Hoblio - The Path to Freedom" is now screening at the "Spirit Enlightened" Film Festival, promoted by Culture Unplugged Studios.

Culture Unplugged allows the audience to express appreciation and support to film-makers through the “CONTRIBUTE” feature.
This feature enables the viewers to donate financial contributions using the online payment service of PayPal.
100 % of the contribution is received by the film-maker. Culture Unplugged does not deduct any fees or royalty for this transaction. Culture Unplugged values the opportunity this feature provides the film-makers to directly connect with their audience and supporters across the globe, who wish to contribute to their art and wish to partner with them in a meaningful way.
CLICK HERE to watch "Hoblio - The Path to Freedom" and, if you like what you see, please give your contribution to the art of tradition animation by kindly making a donation through the “CONTRIBUTE” feature.

Thursday, December 5, 2013

"HOBLIO - The Path to Freedom" on IMDb -- The Internet Movie Data Base



Thanks to IMDb, The Internet Movie Data Base, for featuring "HOBLIO - The Path to Freedom" on their video channel.

>> Watch "HOBLIO" on IMDb <<

Wednesday, December 4, 2013

"HOBLIO - The Path to Freedom" - Full movie


A pilgrim carrying a heavy burden travels through a dark forest to a radiant valley. Along the way, he encounters four mysterious characters on his search for spiritual freedom. Join little Hoblio in his quest for peace and enlightenment.

A film written, directed and animated by Piero Tonin.
Music: "Yangtze" by Jiang Li (courtesy of Audio Network Ltd. - Order Reference: 235129).

 "HOBLIO - The Path to Freedom" will be screened at the 2013 "Spirit Enlightened" Film Festival.

Friday, November 29, 2013

Work in progress: new Animation Demo Reel


I decided it was about time I got myself together and started working on a new 2d traditional animation demo reel.
Here's a screenshot from the intro. Stay tuned for more!

Tuesday, November 26, 2013

Website design for Ristorante Paris in Rome


Website design and development (design and HTML coding) for Ristorante Paris in Rome, Italy.
Website design e sviluppo (design e programmazione HTML) per Ristorante Paris in Roma.

                                










Monday, November 18, 2013

Follow me on Twitter!


In case you didn't know, I have a Twitter page: twitter.com/pierotonin
Nel caso non lo sappiate, ho una pagina Twitter: twitter.com/pierotonin

Monday, November 11, 2013

Screenshots of "Hoblio -The Path to Freedom"












Some screenshots of my upcoming animated short "Hoblio - The Path to Freedom".
Alcuni fotogrammi di "Hoblio - Il cammino della libertà", il mio prossimo corto animato.

Thursday, November 7, 2013

"Hoblio" at the "Spirit Enlightened" Film Festival.


The official poster of "Hoblio"

Hoblio is very delighted to announce that he has been invited to participate in the "Spirit Enlightened", an online film festival organized by Culture Unplugged Studios .

In their own words "the festival aspires to trace the spirit that has led humanity and the evolutionary consciousness to its present form and is in the midst of creating our future. The festival hopes to explore with you ‘That’ which envelops to infuse & evolve the individual as well as the collective being, expands our vision of time as well as place, enlivens our hearts, and enlightens our species to transcend the present state of being for the mystical new – the next state of supramental self. The festival hopes to gather the global seekers to observe and feel this divine/enlightened spirit in the moment of its performance, in the midst of humanity now and forever, through film-media.

This festival aspires to present films, videos, and talks on various themes such as: Evolution of Consciousness; New Spirituality; Culture of Religion; Present Evolutionary Impulse; Emergent Scientific Perception; Vision/ Ideas on New Being - Feminine, Masculine, Superhuman; Transcendent & Transformative Practices; Transpersonal/Gnostic Perception & Action; Integral Philosophies & Wisdom, Intimate Spiritual Experiences & Expressions; The New Pursuit - Love; The Powers - Within & In Cosmos; Enlightened Leaders, Systems & Designs."

Stay tuned for more updates!



The English trailer of "Hoblio"

Friday, October 18, 2013

Yoplait Apricot Mango - Animated commercial




This retro style animated commercial for ad Agency Saatchi & Saatchi is a part of the "Yoplait 40 flavours of inspiration" produced by Aniboom.


The project gives the opportunity to 40 animators from around the world to take a different flavor from the new Yoplait range and bring it to life in a 30 second animated video.

I pitched for and won the Apricot Mango flavor and came up with a very stylish, uplifting and fun concept for an animation reminiscent of 1960s television commercials.


Concept, illustrations, animation and music by Piero Tonin.

Tuesday, October 15, 2013

Hurricane Ivan, Piero Tonin and Gino Gavioli!


Low tech: from left to right, Hurricane Ivan, Piero Tonin, Gino Gavioli.

Making plans for the future: with Hurricane Ivan, cartoonist, musician and editor of PUCK! Magazine, Piero Tonin, and Gino Gavioli, legendary illustrator and animator, founder, along with his brother Roberto, of Gamma Film
Established in Milan in 1953, Gamma Film was once the largest animation studio in Europe, counting over 200 employees and producing full-length animated features, animated television series and hundreds of Carosello commercials.

Pianificando il futuro: con Hurricane Ivan, musicista, cartoonist e editore della rivista PUCK!, Piero Tonin, and Gino Gavioli, leggendario illustratore e animatore, fondatore, con il fratello Roberto, della Gamma Film.
Creata a Milano nel 1953, la Gamma Film, all'epoca il più grande studio di animazione in Europa con i suoi oltre 200 impiegati, ha prodotto lungometraggi d'animazione, serie animate televisive e centinaia di pubblicità per Carosello.


Monday, September 30, 2013

Facebook Happiness


"Can't talk right now. I'm simulating happiness on Facebook."

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Monday, September 16, 2013

Obesity Cartoon


"Why do I always have to seat next to some fatso..?"

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Wednesday, September 11, 2013

Lion Tamer Cartoon



"Lion Tamer Cartoon"

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Saturday, September 7, 2013

Planned Obsolescence Cartoon




"ELECTRONICS - Last Month's Technology"

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Sunday, August 25, 2013

Sexual Fantasy Cartoon


"Why you never mentally undress me?"

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Tuesday, August 20, 2013

Striptease Cartoon


"This is just the warm up act."

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Monday, August 19, 2013

Buon Compleanno! Cartoon eCard in Italian



La Mucca ti augura Buon Compleanno in italiano!
The Cow wishes you Happy Birthday in Italian!

Friday, August 16, 2013

Economy - Environment Cartoon


"They are worried about the economy."

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Monday, August 12, 2013

Carlo "Perogatt" Peroni intervista Piero Tonin

Piero Tonin e la descoverta delle Americhe - Ovvero: come fu che mi ritrovai dall'altra parte dell'oceano.
Originariamente pubblicata (2008) sul Blog ufficiale di Carlo Peroni


Un omaggio al Maestro Peroni celato in un fondale del video musicale "Naif".


Alcuni anni fa ricevetti un'e-mail da un certo Piero Tonin che mi scriveva dagli Stati Uniti. Mi sembrava vagamente di aver sentito il suo nome, tempo addietro, ma non ricordavo da chi: in seguito scoprii che me ne aveva parlato, molto bene, il grande, indimenticabile amico e collega Osvaldo Cavandoli, creatore della famosa "Linea", famosa in tutto il mondo! Cavandoli conosceva Piero Tonin già da anni e aveva avuto modo di scoprirne le grandi "doti nascoste".
Da allora io e Piero abbiamo avuto un fitto scambio di corrispondenza, sentendoci qualche volta anche al telefono (allora non esisteva ancora "Skype").
Devo dire la verità: allora lo avevo invidiato per il coraggio di andare a lavorare negli Stati Uniti. Comunque, ora che, dopo alcuni anni, Piero è tornato ad vivere in Italia, ci sentiamo molto spesso e qualche volta ci capita anche di incontrarci di persona; un giorno gli ho chiesto se avesse voluto scrivere per i miei "PeroBlog", alcuni ricordi del periodo americano. Piero ha accettato subito con entusiasmo. 
Penso sia la prima volta che confidi in pubblico le sue esperienze d'oltreoceano. Allora gli ho fatto una specie di intervista. Eccola qui sotto: possiamo scoprire un Piero Tonin quasi inedito.

Perogatt: Piero Tonin, il noto disegnatore umoristico (www.pierotonin.com) è stato uno dei pochissimi disegnatori italiani a lavorare per e negli Stati Uniti. Come ha deciso di recarti proprio lì, nella patria del fumetto? Proviamo a chiederlo direttamente a lui e sentiamo cosa ci racconta.
Allora, Piero, come hai deciso di intraprendere la "grande avventura"?

Piero: Già, come sono finito nel nuovo continente? Me lo sono chiesto spesso anch'io, soprattutto quando, a un certo punto della mia esperienza americana, mi sono ritrovato a convivere con uno spacciatore brasiliano nel bel mezzo del ghetto nero di Washington, DC. Va detto, a tal proposito, che la maggior parte delle vie della capitale americana sono contrassegnate da numeri e lettere. Tanto più basso è il numero, tanto più pericolosa e degradata è la zona. In una numerazione che va da 1 a 53, il mio appartamento era situato fra la quarta e la quinta strada. Guardando la mappa del mondo appesa nella mia stanza, con l'Italia così piccola e lontana, mi chiedevo appunto: "ma io come ci sono finito qui?"
La risposta è semplice, anzi no. Per un misto di spirito di avventura, incoscienza e disperazione, ingredienti indispensabili per decidere di piantare tutto e andare a vivere in un paese lontano e sconosciuto. Senza prima aver cercato un lavoro, e con una conoscenza maccheronica dell'inglese. E soprattutto senza il becco d'un quattrino.

Perogatt: Infatti, stavo per chiedertelo. Come hai fatto a cavartela? Hai vinto qualche misteriosa lotteria? Oppure hai ricevuto una grossa eredità di un ricchissimo zio?

Piero: Devo dire che in Italia avevo avuto un inizio di "carriera" piuttosto promettente. Ancora studente di illustrazione presso l'Istituto Europeo di Design a Milano, avevo cominciato a farmi le ossa presso il neonato Studio 3ntini. Allora, si parla dei primi anni '90, occupava un bilocale nella storica via Giambellino. 
Quasi contemporaneamente, grazie ad alcune borse di studio messe a disposizione dall'Istituto Europeo, iniziavo a collaborare con Mediaset (allora Videotime), ovvero Canale 5, Italia 1 e ReteQuattro. La nostra base operativa era la cosiddetta Area Grafica di Palazzo dei Cigni a Segrate, proprio sopra la testa di Emilio Fede. Il complesso, oltre al TG4, ospitava gli studi di altri noti programmi, soprattutto giornalistici, come Striscia la Notizia, Pressing, Studio Aperto
L'Area Grafica, lo dice il nome stesso, si occupava della parte visiva dei programmi: sigle, scenografie, disegni per quiz e giochi a premi. Nell'Area Grafica è nata, ad esempio, la famosa papera bianca simbolo di Paperissima, creata da Marco Varrone, amico e compagno di studi all'Istituto Europeo. 
Fino, più o meno, alla metà degli anni '90 il lavoro per l'Area Grafica non mancava. Anzi. Spesso si era costretti ad autentici tour de force per tenere i ritmi frenetici delle produzioni. Ricordo quattro mesi ininterrotti di lavoro - sabati, domeniche e feste comprese - per realizzare centinaia di disegni per un gioco a premi presentato da Mike Bongiorno.  A volte, non riuscendo a far fronte con le proprie forze alla mole di lavoro, si coinvolgevano colleghi e amici esterni all'Area Grafica.
Poi, lentamente ma inesorabilmente, con il mutare delle mode e l'evolversi delle tecnologie, il lavoro per noi disegnatori cominciò a diminuire. Per me e per i miei colleghi fu una svolta piuttosto drammatica, perchè fuori dal Palazzo dei Cigni la situazione era tutt'altro che rosea. La maggior parte degli ex compagni di studi avevano da tempo abbandonato ogni velleità artistica in favore di un lavoro forse meno creativo ma decisamente più sicuro. Il mio vero sogno poi, quello di vivere facendo il disegnatore di fumetti, era assolutamente fuori dalla mia portata. In Italia, a meno che non si sia disposti a fare la fame o quasi, il fumettista era ormai diventato da tempo un'attività per pochi eletti, che possono farlo per hobby o autoprodursi per anni (a spese di papà) nella speranza, un giorno di diventare autori di successo. Tranne rare eccezioni, si premiano i più fortunati, non i più bravi. Non rientrando in questa ristretta schiera di eletti, decisi di giocarmi l'ultima carta, mettendo in atto un piano folle: trasferirmi in America. Se anche nella patria dei comics fosse andata male, sarebbe stata la conferma definitiva e senza appello che avrei dovuto cambiare mestiere.



Sigla di "Paperissima Sprint" con il Gabibbo e Miriana Trevisan.


Perogatt: Come hai deciso di fare questo grande passo?

Piero: Il mio "contatto americano" è Carlo, un ex-compagno del corso di Illustrazione all'Europeo. Durante il servizio civile si era invaghito di una ballerina americana che si trovava in Italia per seguire alcuni corsi di danza. Portati a termine i reciproci impegni, i due erano andati a vivere insieme a Washington, DC. Carlo lavorava come illustratore per un piccolo studio che in qualche modo ricorda la mia esperienza da 3ntini. Il nome è decisamente più altisonante, Determan Communications, ma anche in questo caso si trattava di un appartamento, non più un condominio ma la classica villetta a schiera in legno bianco dei film americani.
Il primo passo consiste nel prendermi una vacanza di cinque settimane per effettuare un sopralluogo a Washington e cominciare a studiare l'ambiente. Internet è ancora un mistero per pochi, e le informazioni bisogna procurarsele sul posto. Ero già stato in USA, proprio nella capitale, circa tre anni prima, ma questa volta non si tratta di fare il turista. Sono lì per capire come mi sarei dovuto muovere per riuscire a entrare in questo Paese. Nel corso di quelle cinque settimane ne sento un po' di tutti i colori. Da Carlo che fa di tutto per scoraggiarmi, considerando folle il mio progetto, a un italiano che mi consiglia un matrimonio di interesse per ottenere più facilmente il visto.  Il quadro è piuttosto confuso. In USA le leggi sull'immigrazione cambiano con una certa frequenza, naturalmente non a favore degli immigrati. 
Poi, quando le cinque settimane stanno per scadere e io sono ormai rassegnato a tornare mestamente in Italia, la situazione si smuove quasi per caso. Passeggiando per Georgetown, il certo storico di Washington, vengo attratto dall'insegna Cartoon Art Gallery (vedi foto) e da un ammiccante Mickey Mouse affacciato alla finestra di una palazzina in mattoni rossi. Si tratta di una galleria d'arte dell'animazione. Due interi piani colmi di materiale che era servito a realizzare classici dell'animazione che tutti conosciamo: Biancaneve e i sette nani, Pinocchio, Dumbo, Fantasia, La bella addormentata nel bosco, Il libro della Giungla. Bozzetti preparatori, fondali e, soprattutto, i "cel".

La Cartoon Art Gallery di Washington, DC.


Perogatt: Hai parlato di "cel". Forse è il caso di dire che in Italia quei fogli di plastica trasparente su cui si dipingono i personaggi dei cartoni animati si chiamano in vari modi: "rodovetri", "rodoid", "acetati", per citare solo i termini più usati.

Piero: Proprio così, Carlo. Comunque, dicevo, alla Cartoon Art Gallery tutto è elegantemente incorniciato ed esposto proprio come in una vera galleria d'arte. Anche i prezzi sono da grande capolavoro. Un cel originale di Biancaneve può superare tranquillamente i 15.000 dollari. Anche i pezzi meno pregiati sono decisamente al di là della mia portata, e tutto quello che mi posso permettere è un libro, usato e in francese, su Tex Avery. La direttrice della galleria, una simpatica ragazzona di 1.85, è molto incuriosita da quell'italiano dall'inglese improbabile interessato a un libro di Tex Avery in francese. Le racconto, meglio che posso, la mia storia, e il motivo per cui mi trovo a Washington. Tanto dico e tanto faccio, che il giorno dopo torno alla galleria con il mio portfolio, il quale con mia sorpresa piace molto. La ragazzona mi dice che buona parte del loro lavoro consiste nel realizzare fedeli riproduzioni di fondali dei film di animazione, che vengono poi incorniciati con il cel originale corrispondente a quella scena. Infatti ad un solo fondale corrispondono quasi sempre decine, se non centinaia, di cel. Da qui la necessità di riprodurre fedelmente, a mano, il fondale dei cel "orfani" in modo da ricreare l'atmosfera del film una volta incorniciati. 
Altra consistente parte del lavoro consiste nel restaurare i cel stessi che si fossero deteriorati nel corso degli anni. Alcuni cel risalgono infatti agli anni '20 del '900, e non erano certo stati concepiti per durare così a lungo.



Interno della Cartoon Art gallery con alcuni preziosi "cel".


Perogatt: E quindi?

Piero: Per farla breve, mi viene proposto di fare una prova per vedere se fossi stato in grado di portare a termine uno dei suddetti lavori. Se avessi superato il "provino", i titolari della galleria mi avrebbero supportato nel lungo e complicato processo che comporta l'ottenimento di un visto per gli USA. Una volta trasferitomi negli Stati Uniti, mi dicono, il lavoro da parte della galleria non sarebbe mancato.
Sembrava un buon affare per tutti. Unico problema, sarei ripartito per l'Italia di lì a due giorni. Non avrei avuto il tempo per fare una prova. Mi consulto nuovamente con l'italiano che voleva farmi sposare un'americana. Consiglio: torna in Italia, vai al Consolato Americano e fai domanda per un visto turistico di sei mesi. Non dovresti aver problemi ad ottenerlo, se riesci a dimostrare che allo scadere del visto vuoi rientrare nel tuo Paese. Quindi torna in America e avvia le pratiche per il visto di lavoro. Meno male che esistevano certi italiano prima dell'avvento di Internet!

Perogatt: Sapevi che molti anni fa anch'io avrei dovuto sposare un'americana, completamente sconosciuta, per poter avere la cittadinanza statunitense? Io rifiutai, senza rimpianti, anche perché... all'epoca ero sposato in Italia e avevo già due figli!

Piero: Non lo sapevo, comunque hai fatto bene a non accettare! Allora, detto, fatto. Tornato in Italia mi precipito al Consolato Americano a Milano, con le prove del mio attaccamento al Bel Paese. Grazie soprattutto ai lavori realizzati per Mediaset, garanzia di professionalità, mi viene concesso un visto di ben 12 mesi
Affittato l'appartamento e sbrigate altre faccende, riparto subito per Washington. Il primo problema è trovare una sistemazione. Il mio amico Carlo i mette a contatto con Shawn e Jan. Bianco il primo, nero il secondo, lavorano in un negozio di biciclette e condividono un appartamento ad Adams Morgan, pittoresco quartiere ispanico della capitale. Non ho una vera e propria stanza, anzi non ho neppure un vero e proprio letto. Mi arrangio in un angolo dl salotto dormendo sopra un materassino gonfiabile da campeggio. Questo è tutto quello che posso permettermi al momento, visto che gli affitti a Washington sono molto cari e non ho ancora un lavoro.
Beh, in realtà tutto il mondo è paese, e la galleria mi passa qualche lavoretto, ma questo rimanga tra noi! Come promesso, la ragazzona-direttrice dell'Animation Art Gallery mi mette in contatto con uno studio legale per avviare le pratiche per il visto di lavoro. Il processo si sarebbe rivelato non solo costoso, ma anche talmente lungo e complesso che che sono costretto a tornare in Italia per scadenza del visto turistico, senza sapere l'esito della mia domanda. Avrei dovuto attendere, per un tempo indeterminato che poteva essere lunghissimo, la telefonata che avrebbe potuto rappresentare l'inizio di un'esaltante avventura o la mesta fine di miei sogni americani.



Un cel di "Biancaneve e i sette nani" prima e dopo il restauro.


Perogatt: E allora?

Piero: Allora, dopo oltre due mesi di snervante limbo, alla fine la telefonata arrivò: la mia domanda era stata accettata, iniziava la grande avventura americana.

Perogatt: Direi che era ora! Adesso mi devi raccontare tutto il resto, mi raccomando!

Piero: Certo, con piacere. Tornato a Washington con un visto di lavoro, iniziano i veri problemi. L'adattamento a una realtà dove tutto è nuovo e diverso, anche fare un semplice vaglia all'ufficio postale, non è affatto semplice, soprattutto quando si ha una conoscenza molto limitata della lingua.
La galleria mi passa una discreta quantità di lavoro, ma non sufficiente a far fronte all'affitto e a tutte le spese che comporta vivere in una costosa capitale. Ho un po' di risparmi da parte, ma non sarebbero durati a lungo. Mi dò da fare per cercare lavoro in tutti i modi, sia quelli tradizionali (annunci, colloqui, passaparola) che quelli decisamente poco usuali per la realtà italiana. Compro un libro sul mercato per gli scrittori e illustratori per ragazzi, The Children's Writer's & Illustrator's Market. Contiene centinaia di contatti a case editrici, riviste, agenti, e articoli, interviste e consigli da esperti del settore. Uno di questi consigli è di far stampare una cartolina con i propri lavori più significativi su un alto e i propri contatti sull'altro, e spedirla agli art directors elencati nel libro. La cosa non mi convince molto, ma da qualche parte bisogna pur iniziare, e così faccio stampare una cartolina con una mia illustrazione per Rollerblade, passando poi svariate settimane a scrivere, affrancare e spedire cartoline. Mi arriverà qualche cartolina di risposta, purtroppo solo ringraziamenti e promesse di considerazione futura, ma nulla di concreto.
Mi iscrivo a un'associazione illustratori di Washington, ma la mia poca confidenza con la lingua mi fa sentire sempre un po' emarginato. Le conferenze però si rivelano interessanti, non capisco tutto quello che succede ma di una così mi rendo subito conto: tutti insistono molto sull'utilizzo di un nuovo mezzo di comunicazione: Internet.

Perogatt: Ecco, stavo giusto per chiedertelo: quindi hai capito anche tu l'importanza di Internet, vero?

Piero: Beh, io avevo cominciato a "navigare" assiduamente da diversi mesi, e per quanto la maggior parte dei siti dell'epoca (sto parlando del 1997) fossero piuttosto spartani, l'idea di costruirmene uno da solo non mi sfiora neppure lontanamente. Penso che dietro la costruzione di pagina web si celino chissà quali complicatissime conoscenze informatiche. Però molti miei amici sembrano in grado di mettere in piedi un sito senza alcun problema, e d'altra parte sembra una realtà con cui avrei dovuto far presto i conti. Un giorno decido quindi di dare un'occhiata ad un gran librone sull'HTML, il linguaggio che serve a costruire i siti web. La lettura si rivela sorprendentemente appassionante, e così nel giro di un mese ho anch'io il mio sito personale! Certo, esteticamente non è un gran che, e l'indirizzo è impossibile da ricordare, ma nel '97 è una cosa all'avanguardia, soprattutto per un fumettista. Mi rendo immediatamente conto delle enormi potenzialità del mezzo. Quasi da subito, siti specializzati iniziano a dare ulteriore visibilità ai miei lavori, con link e pagine dedicate alle mie vignette. Qualcuno mi chiede di poter utilizzare i miei disegni, o ne commissiona di nuovi. 




La combinazione di "cel" e fondale ricrea l'atmosfera del film.

Perogatt: Bene, qualche cosa allora si era finalmente mossa!

Piero: Infatti. Dopo nemmeno un anno di presenza su Internet, la svolta. Mi contatta tale Gene Schwimmer da New York, chiedendomi se fossi disposto a disegnare alcune vignette da lui scritte. Mi manda una biografia nella quale, fra le numerose collaborazioni come scrittore, spicca quella con la rivista Playboy, per la quale negli anni '80 aveva realizzato, assieme al disegnatore Randy Jones, la striscia "Through Space and Time with Schwimmer & Jones". Decido di collaborare con Gene. Avevo sempre voluto scrivere da me fumetti e vignette, ma per tentare di sfondare nel mercato americano mi sarebbe stato utile, anzi indispensabile, lavorare con uno scrittore madrelingua della sua esperienza. 
I risultati non tardano ad arrivare. Numerosi siti cominciano a pubblicare le nostre vignette, rendendo popolare il nostro lavoro. Per Gene c'è anche un "ritorno alle origini" con la pubblicazione settimanale su Rouze.com, sito edito proprio da Playboy Enterprises. Oltre a pagare molto bene, Rouze lo fa con assegni griffati con il famoso coniglietto di Playboy. Parallelamente, continuo a produrre e a promuovere vignette per mio conto, di umorismo decisamente più europeo. Anche da solo comincio a raccogliere qualche soddisfazione. Poco dopo inizia la pubblicazione, sempre settimanale, delle mie vignette sul sito di Discovery Channel
Discovery paga cifre impensabili per l'Italia, anche rispetto a pubblicazioni molto importanti. Ma la più grossa soddisfazione arriva di lì a qualche mese, con la pubblicazione su "The New Breed" di King Features. King Features è il più importante syndicate americano, che nel corso della sua lunga storia, iniziata nel 1915, ha distribuito classici come Braccio di Ferro, Mandrake, l'Uomo Ragno e Flash Gordon. Assieme a Silver, con Lupo Alberto, a tutt'oggi sono il solo fumettista italiano ad essere stato pubblicato da un importante syndicate americano. 
Questa è anche una piccola rivincita personale, perchè solo pochi anni prima proprio un collaboratore di Silver mi aveva invitato, poco elegantemente, a cambiare mestiere. Vedere le mie vignette pubblicate con il logo di King Features ha qualcosa di irreale. Mi sembra di tornare bambino, quando sapevo a malapena scrivere, ma già disegnavo fumetti firmandoli "Walt Disney Productions", come avevo visto fare sulle pagine di Topolino. King Features si è dimostrato un ottimo biglietto da visita che mi ha aperto porte per altre importanti collaborazioni, consentendomi di avanzare richieste economiche che altrimenti non avrei mai osato fare. 



Vignetta per il King Features Syndicate.


Perogatt: Benone! Allora, Piero sei diventato una specie di "americano" anche tu! 

Piero: Forse, almeno per quanto riguarda il modo di lavorare sì, Carlo. Con l'esplosione di Internet nel nuovo millennio, il mercato è cambiato radicalmente in pochissimi anni. Sono cominciati a nascere agenzie che distribuiscono vignette e illustrazioni attraverso internet. Attualmente, i miei lavori sono distribuiti da un nuovo tipo di syndicate, come CartoonStock e Artizans, che mi rappresentano in tutto il mondo attraverso i loro siti. 

Perogatt: Ma non sentivi un po' di nostalgia per l'Italia? 

Piero: Grazie alla possibilità di lavorare via Internet, dopo sei anni d'America ho deciso di ritornare in Italia, anziché avviare le pratiche per la Carta Verde, il visto che mi avrebbe permesso di risiedere permanentemente in America. Ora continuo a lavorare, soprattutto con gli USA, attraverso il web. Nel frattempo in Italia è cambiato tutto, per non cambiar niente. La maggior parte delle proposte, anche da pubblicazioni a diffusione nazionale, sono per collaborazioni a cifre spesso ridicolequando non sono addirittura gratuite. Una nota rivista con "innumerevoli tentativi di imitazione", alla mia domanda di quanto pagassero le vignette, mi ha risposto "pochi, maledetti e subito". Beh, purtroppo essere pagati subito è già qualcosa, in Italia. 

Perogatt: Purtroppo hai toccato un tasto doloroso, caro Piero... 

Piero: Lo so bene... Insomma, a volte di fronte a certe grottesche situazioni che mi 
riportano ai difficili inizi mi viene da chiedermi: "Ma io ci sono stato davvero in
America?".

Perogatt: Ci sei stato davvero, ma per fortuna l'America non ti ha cambiato: sei rimasto il Piero Tonin che eri prima, ma con molta, molta esperienza in più. 

Carlo Peroni 

Friday, August 9, 2013

Stress Management Cartoon


"What a peaceful and relaxing atmosphere since the boss took that stress management class."

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Wednesday, August 7, 2013

Medical Cartoon



"You suffer from nymphomania? What a coincidence, I'm a sex addict!"

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Monday, August 5, 2013

Smartphone Cartoon


"Here comes Mr. 'Smarter-then-you'."

Did you like this cartoon? Keep following my blog for more cartoons to come and visit my website at www.pierotonin.com for hundreds of archived cartoons, illustrations, and animations!

Sunday, June 9, 2013

Character design for "Hoblio".



Character design for "Hoblio - The Path to Freedom", my upcoming animation short.
Personaggi per "Hoblio - La via della libertà", il mio prossimo corto animato.